Vuoi un Escursione su Misura

Zambo Fishing e quello che fa per te

Ti possiamo Offrire un pacchetto su misura e richiesta fatto per te e farti vedere le cose piu’ belle che esistono su questa terra Speciale.

Dai paesaggi migliori alle cose speciali che nasconde questa isola speciale 

 

 

 

Chiedici un preventivo

Per Le nostre escursioni in Madagascar

i Nostri Tour si dividono i  varie destinazioni

Le Tre Perle

L’isola Nosy Comba e’ l’isola dei lemuri

 

Nosy Komba è sïtuata tra Nosy Be, la celebre isola dei profumi, e il Madagascar.

E una grossa montagna di 622 mt, rivestita da una foresta tropicale densa e fitta, e assomiglia a una gigantesca carapace di tartaruga circondata da rocce vulcaniche

che la proteggono dalle intemperie marine.

L’isola dei lemuri è detta in malgascio Nosy Ambariovato che significa isola delle rocce.

Ci sono tante piccole spiagge, e un mare color smeraldo che fanno di Nosy Komba, un piccolo gioiello della natura, sempre più ambita, e che comincia ad oscurare la più famosa Nosy Be.

A Nosy Komba trovate una varietà di lemuri detti Macaco.

Non c’é elettricità, non ci sono strade né macchine e la tranquillità regna sovrana.

per la sua natura e la dolcezza dei suoi abitanti, per il turista è facile essere coinvolti.

NOSY TANIKELY

Parco marino di Nosy Be

Una barriera corallina multiforme in una posizione privilegiata nella baia di Nosy Be in Madagascar, che confirmano il titolo di “acquario naturale”.

La riserva marina di Tanikely e i suoi diversi coralli e la sua eccezzionale biodiversita offrono un perfetto habitat a molte speci marine.

Le acque calde tropicali e l’apporto alluvionale del fiume offrono a molte speci marine un domicilio su questa piccola isola, in effetti una varia fauna marina vive intorno all’isola.

 

Nosy Tanikely significa isola di piccola terra. Possiamo pure parlare di atollo inabitato. I visitatori vengono in escursione durante il giorno, é vietato pernottare sull’isola che tuttavia rappresenta un interesse paesaggistico, anche per coloro che sono poco interessati ai fondali marini.
Dal 2010 le visite sono controllate.

Un raggio di 700M intorno al faro dell’isola delimita la riserva naturale.

Le costruzioni sull’isola sono di entità modesta : Una reception, una zona riservata ai pic nic, un centro di documentazione, e toilette.

La spiaggia a l’Est permette la balneazione, e sono anche possibili immersioni attorno l’isola. Delle boe delimitano la riserva.

Soprattutto consigliata per le immersioni, snorkling, apnea, e i fondali, ma anche per naturalisti e turisti in escursionei).

NOSY SAKATIA

L’isola di Nosy Sakatia è situata a Nord Ovest di Djamandjary ed e’ chiamata anche “Isola delle Orchidee” per i numerosi fiori di questo genere che la ricoprono oltre alle numerose piante tropicali e i vari tipi di corallo.

E’ una meta apprezzata per gli appassionati di immersioni.

E’ divisa da Nosy Be da un tratto di mare di qualche centinaia di metri e si presenta come un piccolo paradiso dalle acque trasparenti e varie spiaggette incontaminate da scoprire.

L’affascinante isola ospita il villaggio di Antanabe di circa 300 persone dedite alla pesca e l’artigianato, un resort semplice e accogliente specializzato nell’organizzare pesca alla traina e un diving poco distante da questo albergo.

TOUR DELL’ISOLA

Questo tipo di escursione vi permette di far conoscere l’isola di Nosy Be e non puo’ mancare nel programma del vostro viaggio.

Questo tour tipico si puo’ suddividere in due parti:
La prima consiste nella visita della parte sud toccando i seguenti punti di interesse:
C.N.R.O (National Oceanographical Reserch Centre ): museo che contiene specie di animali marini trovate nelle acque Malgasce. Sono qui in mostra circa 50 differenti varieta’ di pesci.
-la spettacola re Visita alla distilleria dell’Ylang-Ylang dove viene estratto l’olio di questa pianta utilizzata come fissatore nei profumi o anche come profumo stesso.

L’Ylang-Ylang e’ la pianta caratteristica che cresce a Nosy Be e contribuisce fortemente a darle all’appellativo di “Isola dei profumi” per via degli aromi che questo fiore giallo libera nell’aria.

Hell Ville e’ il capoluogo ed il centro piu’ importante dell’isola e porta impresso i segni del colonialismo in molte strutture.

I mercati colorati, i vari negozietti sulla strada, il porto, gli edifici storici, il mercato, la rendono molto allegra, pittoresca e piena di vita.
Una sosta qui e’ necessaria per comprare qualche souvenir tipico o semplicemente cominciare a orientarsi per eventualmente tornarci nei giorni successivi .
L’ultima sosta del mattino si fa ad Ampombilava: un posto misterioso dove c’e una foresta di piante curiose e caratteristiche le cui radici si slanciano verso il cielo: questa piante sono chiamate “BANIAN”. Troviamo qui “L’albero sacro”: un enorme “ficus Bengalensis” i cui rami e le radici aeree creano una cupola di oltre 50 metri di diametro.

RADAMA

Questo arcipelago presenta una vegetazione tropicale bellissima e delle spiagge incontaminate.

Le quattro isole che la compongono ( Nosy Kalakajoro, Nosy Ovy, Nosy Antany Mora) sono abitate da villaggi di pescatori e qui si puo’ veramente venire a contatto con la cordialita’ della gente del posto e del loro stile di vita.
Nosy Kalakajoro (la più abbagliante delle spiagge deserte ) è alta 166 m e coperta di verde, e’ ornata da una grande spiaggia di un bianco abbagliante dove vengono ad esaurirsi le onde del mare cristallino.

In uno scenario da sogni questa isola ha la fortuna di trovarsi in una zona molto pescosa perciò viene utilizzata da base, durante la stagione secca, da alcuni pescatori che si stabiliscono in capanne, per un periodo tale da creare una scorta sufficiente di pesce secco che andranno a consegnare poi sulla Grande Terra.
Vicino ad Antany Mora dove si trovano gli “holothuries”per gastronomi giapponesi, si vede un’impressionante flotta di piroghe.

Gli holothuries ( cetrioli di mare ) sono creature poco appetitose e sono ricercate dai giapponesi che, dopo avere esaurito le loro proprie scorte , mandano i loro acquirenti fino in Madagascar dove ne esistono (…ma per quanto tempo ancora?…) varietà a loro particolarmente squisite. L’isola presenta una lunga coda di sabbia e di corallo che la prolunga verso est con i suoi grandi tamarindi e si assapora l’atmosfera gioiosa del suo villaggio malgrado l’estrema rozzezza della vita quotidiana. Venendo da nord con una barca davanti alla spiaggia del villaggio sulla costa nord-ovest bisogna fare attenzione alle numerose teste dei coralli.

Nosy Valiha è l’isola più sud delle Radama. Sebbene appartenga ad un avvocato della capitale che ha costruito un grande bungalow sulla sua costa ovest, l’isola ospita parecchi villaggi tradizionali dove si lavora il coprah (tradotto come “carne della noce di cocco”).

La costa ovest, ricoperta da una grande distesa di noci di cocco, offre un buono ancoraggio davanti ad una lunga spiaggia bianca, con alcune belle patate di corallo .

Al villaggio, potrete osservare la tecnica ancestrale di apertura dei cocchi su un palo infilato nella terra.
L’arcipelago delle Radama merita una visita di qualche giorno in quanto una escursione giornaliera impegnerebbe gran parte della giornata nel trasporto tra andata e ritorno

 

 

NOSY VORONA

 Isolotto tagliato fuori dal mondo, Nosy Vorona é un’isola provata da affittare per i Robinson Crosué nell’anima. Potendo accogliere fono a 12 persone, una spiaggia, una villa ed un’isola vi saranno totalmente riservate.

LONTANO DAL MONDO

Un’esperienza unica

L’isolotto é situato non lontano dalla punta ovest dell’isola di Nosy Be, ma abbastanza lontano per avere il sentimento de in capo al mondo che vi piacerà molto. L’isola intera é disponibile ad essere affittata a prezzi abbordabili, offrendovi tutto il confort di un’albergo senza tutte le restrizioni. Personale, oltre alle barche saranno messi a vostra disposizione per darvi tutto il confort necessario durante il vostron soggiorno. Un soggiorno senza pari vi aspetta sull’isola di Nosy Vorona!

 

Spiaggia Regina

Verrete accompagnati in spiaggia con un viaggio in barca si raggiunge lo spettacolo della spiaggia di nosy Iranja,sulla quale e possibile gustarsi la bellezza di una spiaggia che non ha uguali,che scomparira e apparira’ sotto i vostri occhi con l’effetto della marea che nascondono questa lingua di sabbia con acqua cristallina.

Se vorrai passare la notte nel villaggio dei pescatori con un atmosfera mozzafiato basta riservarlo.

Al rientro dall’isola e possibile fermarsi sull’isola di Nosy Antoshoa dove potrete passare un po di tempo con diversi tipi di razze di lemuri

Nosy Iranja, paradiso Terrestre

 

E’ composta da due piccole isole unite da una lingua di sabbia bianchissima che scompare con l’alta marea ed e’ situata a circa 40 km a sud di Nosy Be.

Nosy Iranja e’ una delle isole piu’ affascinanti di tutto l’arcipelago e non si puo’ mancare di visitarla quando si e’ a Nosy Be.
Sulla striscia di sabbia che unisce le due piccole isole si accumulano conchiglie, pezzi di corallo e detriti organici che attirano miriadi di uccelli durante la bassa marea.

L’isola e’ completamente ricoperta da palme da cocco e molti pini tipici dell’oceano Indiano fanno ombra alla spiaggia a Nord-Ovest dell’isola dove le tartarughe vanno a deporre le proprie uova durante le alte maree notturne. A Nosy Iranja si puo’ osservare il ciclo riproduttivo delle tartarughe e con un po di fortuna magari assistere alla schiusa e l’emozionante corsa delle tartarughine verso il mare. Una tartaruga depone fino a venti uova grosse come palle da tennis.
La vita nel piccolo villaggio sull’isola e’ molto semplice e la pesca, in un mare ricco di vita , ne e’ alla base .
Sull’isola e’ presente un hotel di charme composto da vari bungalows ben inseriti nel contesto del paesaggio.

 

 

L’isola di Mitsio

L’arcipelago delle Mitsio si trova a circa 40 miglia a nord-est di Nosy be ed e’ composto da isolette dalla sabbia bianchissima, rocce e coralli affioranti dal mare, tutte disabitate ad eccezione di Nosy Mitsio o Grande Mitsio che ospita alcuni villaggi di pescatori e alcuni complessi per il soggiorno per turisti su qualche isola.

E’ un vero paradiso per chi voglia effettuare splendide immersioni e soprattutto scoprire posti incontaminati.

Possiamo contare una cinquantina tra isole, isolette e scogli che in parte risultano ancora inesplorati.
Una osservazione che mostra come le Mitsio siano rimaste isolate e’ che a differenza di Nosy Bé , dove il francese è praticato correntemente ed è insegnato nelle scuole, nelle Mitsio si parla solo sakalava, la lingua dell’etnia del Nord-ovest del Madagascar.

Tsarabanjina (isola dalla sabbia bella) è la prima isola dell’arcipelago delle Mitsio che si incontra dopo circa 40 miglia provenendo da Nosy Be ed e’ stupenda,incontaminata, dalla vegetazione tropicale distribuita su una superfice di 22 ettari.
Si puo’passeggiare senza pericolo, scalare le colline e perdersi nel groviglio della sua vegetazione lussureggiante. Sulla piccola penisola della spiaggia si trova il sepolcro con i corpi inseriti in delle piroghe dei re Sakalava delle isole Mitsio. Ancora oggi si venera questo luogo e vengono portate delle offerte.
L’isola ospita dei bungalows a ridosso di due delle più belle spiagge dell’isola.

I Quattro fratelli, di fronte a Tsarabanjina lato Nord Ovest, sono delle rocce mitiche dove una moltitudine di uccelli viene a nidificare.
Alla svolta di un sentiero, vedrete sicuramente numerosi uccelli tra cui le famose gobe-mouches del Madagascar (emblema di Tsarabanjina), l’aquila pescatrice, le galline d’acqua, gli aironi e altri ancora. Tsarabanjina vi offre un’ora di sole in più al giorno per cui non dimenticate di regolare il vostro orologio… Quando è mezzogiorno in Madagascar, sono le 13 sull’isola.
Spostandosi verso nord, a sud ovest della Grande Mitsio, si ergono delle formazioni di basalto nero, le Canne d’Organo, che richiamano la figura delle canne di un organo appunto.

Grande Mitsio è la più grande isola dell’arcipelago ed è la sola abitata da un popolo di pescatori; è coperta per il 90% da lunghe spiagge magnifiche. Qui si possono visitare le foreste e i villaggi con la loro cultura Sakalava.
Vicino alla grande Mitsio troviamo una grande roccia che sovrasta Nosy Ankarea, un’altra perla di questo stupendo arcipelago dove la foresta presente e’ ancora intatta per via del fatto che venne protetta dai fady (taboo) e dal re Antankarana Tsimiharo III. La natura e’ ricca ed e’ presente un lodge perfettamente integrato con la splendida natura dell’isola.
Altra bella isola dell’arcipelago e’ Nosy Lava che contiene dei sepolcri di re sakalava. il Suo vecchio faro, da dove si gode una vista panoramica verso Nosy Saba al Nord, Analalava all’est e Maromony al Sud, merita una visita. Nosy Lava ospita un penitenziario Costruito dalla Francia nel 1911 che accoglieva i prigioneri politici fino all’indipendenza nel 1960.
Oggi in rovina, questo penitenziario serve ancora al governo malgascio che rinchiude circa 200 carcerati. Questi condannati sono dimenticati e abbandonati a se stessi e alcuni di loro hanno gia’ scontato molto di piu’ della loro pena.

Bisogna tenere presente che da Nosy Be servono circa 3-4 ore di barca per arrivare alle Mitsio per cui
vale la pena di organizzarsi in modo tale da trascorrere almeno un paio di giorni.

Boa Vista Cabo Verde

Boa Vista Cabo Verde Escursioni e Tour

L’ISOLA CHE NON C’È

 

L’isola di Boa Vista è larga appena una trentina di km, è quasi rotonda e per la maggior parte desertica, ma presenta un territorio ricchissimo di panorami mozzafiato, punti di interesse, spiagge bianche e cristalline, un oceano tranquillo, un clima fantastico e una popolazione serena che vive la sua vita in pace, lontana dallo stress occidentale.

Non fatevi ingannare dalla luminosità  del cielo a cui i vostri occhi non sono abituati, nè dall’aria frizzante e ricca di ossigeno della quale i vostri polmoni assaggiano il ricordo solo uscendo dalle città: Boavista è molto di più.

Dove si trova? In mezzo all’Oceano Atlantico, al largo delle coste del Senegal.

Il vento africano, il sole tropicale e il suolo vulcanico hanno donato all’isola una conformazione tale da poter essere apprezzata anche dai più esigenti:

Infatti sull’isola e possibile fare escursioni emozionanti, in totale sicurezza, giornate di relax in spiaggia pesca o in resort e serate all’insegna del divertimento.

Non accontentatevi di una piscina e un cocktail: Boavista è da esplorare!

Acquisirete nuovi sapori dalla cucina locale, ricca di pesce e verdure e vi tornerà voglia di ballare al ritmo della musica capoverdiana.

E mentre vi sorprenderete a immaginarvi in una favola, incontrerete animali stupendi nel loro habitat naturale.

Se avrete la fortuna e la fiducia di passare momenti con la gente del posto, scoprirete che l’ospitalità  e la gentilezza qui sono di casa.

Dimenticatevi la fretta, visitate il portale e non vorrete più andare via.

 

L’isola misura 31 km dall’estremità nord (presso Ponta Antônia) a quella sud, e 29 km da ovest a est, per un’area complessiva di 620 km²; è la terza isola dell’arcipelago in ordine di grandezza. È la più orientale del gruppo delle isole Baròavento, ed è situata 455 km a ovest della costa africana.

Il territorio ha subito una progressiva desertificazione dovute alle poche precipitazioni, sono infatti presenti due aree desertiche: il deserto del Viana(sabbioso) ed iDeserto san Tirso

Il punto più elevato dell’isola è il  Monte enstancia (387 m); fra gli altri rilievi si possono citare Santo Antonio   e Monte Negro  

Sull’isola scorre il torrente Ribeira de rabil,soggetto a grandi piene durante il periodo piovoso.

Popolazione

Boa Vista era una delle isole meno popolate di Capo Verde, ma l’apertura nel 2007 dell’aeroporto internazionale ha dato un forte sviluppo al turismo. Conseguenza di questo è anche la crescita demografica dell’isola (attualmente stimati 14.000 abitanti, di cui circa 9.000 nel capoluogo Sal Rei, dove si trova il porto mercantile). Lo sviluppo turistico e la richiesta di manodopera attira emigranti dalle altre isole dell’arcipelago, così come dalle vicine coste africane (Senegal, Guinea Bissau, Angola, etc). Il problema delle abitazioni economicamente sostenibili, per le migliaia di immigrati arrivati con la crescente richiesta di manodopera nel campo turistico, è evidente. La baraccopoli ad est di Sal Rei, dove abitano circa 4.000 persone, è la dimostrazione di come l’amministrazione locale e centrale non sia stata in grado di gestire questo problema. In un paese dove il reddito medio mensile si aggira intorno ai 25.000/30.000 scudi capoverdiani (circa 250,00 €/mese) non è sostenibile una politica edilizia e di commercio paragonabile agli standard europei. Boa Vista si trova così a dover affrontare diverse problematiche riassumibili in: smaltimento rifiuti (attualmente presente solo una discarica a cielo aperto), approvvigionamenti vari (possibili solo via mare), sanità, infrastrutture in genere.

L’aereoporto localizzato presso nel paese di rabil è diventato internazionale dal 2007 (33 voli settimanali in tutto); accoglie solo traffico di passeggeri e non merci.

Sono presenti 6 altri insediamenti (Bofareira – Estancia de Baixo – Joao Galego – Fundo das Figueiras, Cabeça de Tarafes, Povoaçao Velha) molti dei quali con poche decine di abitanti. La popolazione parla una variante locale deCreolo capoverdiano 

In piu’ il mangiare e di ottima Qualita con prezzi veramente piccoli 

 

 

Escursioni in Pick-up Boavista

Le migliori escursioni in pick-up a Boavista. Ti accompagneremmo nel tuo viaggio alla scoperta di quella Boavista che non tutti conoscono.

I migliori posti dell’isola, le baie più suggestive e le casette più caratteristiche…. le trovi con noi ad un prezzo molto più basso di quello che trovi prenotandole da giù- cosa aspetti contattaci
Escursioni in Pick-up Boavista
NOLEGGIO FUORISTRADA E PICK-UP

Scopri le bellezze di Boavista senza escursioni organizzate o gruppi guidati. Organizza da solo a tuo piacimento le escursioni, ma senza rinunciare alla sicurezza e all’esperienza di chi l’isola la conosce bene…
– con autista esperto a vostra completa disposizione
– con gasolio incluso
– Cve 7.100 al giorno – 64 Euro
– da 1 a 4 persone persone

ESCURSIONI SUGGERITE

Chiudete gli occhi e provate ad immaginare un’isola grande 3 volte l’isola d’Elba, popolata da circa 6000 abitanti. Pensate ad un territorio di origine vulcanica dove convivono scenari di interminabili pietraie color nero petrolio intervallate da terre rosse, deserti di sabbia sahariana ed imponenti dune in perenne movimento punteggiati da verdissime oasi incastonate come dei veri smeraldi. 55 km di spiagge semideserte affacciate su un mare di tonalità cromatiche cangianti fra il verde e il blu cobalto; 620 km di paesaggio africano, mescolato armoniosamente con lingua storia e cultura europee ed un pizzico di america latina, accompagnato dalle melodia della musica locale.

ESCURSIONE FUNANA…’– Non solo spiagge ————————————————–

 09.00/13.00; 

All’insegna del relax e della tintarella, immersi nell’incanto delle spiagge più belle dell’arcipelago. Una visita a Povocao Velha simpatico e sonnacchioso villaggio di case colorate, dall’atmosfera da vecchio far-west. Si prosegue verso sud e la graziosissima bianca sagoma della chiesetta di Sao Roque ci saluterà dall’alto, fino a giungere all’ ncantevole Praia Curralinho  detta SANTA MONICA in onore della gemella americana. Qui non ci sono né sdraio né ombrelloni, 18 km di sabbia fine e bianchissima quasi marmorea, dalla quale affiorano rocce laviche che contrastano con l’entroterra color ocra accarezzata da un mare smeraldino. Tempo a disposizione per bagni e lunghe passeggiate. Continueremo verso Praia Verandinha, spiaggia selvaggia dove nell’arco del tempo il vento e il mare hanno forgiato insenature rocciose di incomparabile meraviglia.

PREZZO adulto = 35 €

bambino = 19 €

ESCURSIONE KOLADERA – Il “caribe” d’Africa ————————————————–

9.00-16.00 circa

Una giornata all’insegna degli antichi sapori d’Africa e dei colori della natura tropicale. Visita alle misteriose rovine di Curral Velho, piccolo villaggio di pescatori, adagiato su una spettacolare spiaggia tropicale, vero paradiso per i rarissimi uccelli marini come la Fregata. Attraverso una lunga pista di lava nera dove si alternano le coltivazioni di frutti tropicali, baobab e palme di Fonte Vicente, giungeremo a Ervatao, luogo ideale per la riproduzione delle tartarughe nel periodo estivo. Sosta per bagno. Proseguimento per i graziosissimi paesini del Norte in stile coloniale, che sembrano rimasti quasi fuori dal mondo. Possibilità di pranzare in un tipico ristorantino capoverdiano.

PREZZO adulto=45€

 bambino = 25€

ESCURSIONE MAZURCA —————————————————————————-

Shopping nella città dei pirati e degli antichi relitti 

14.00-18.0

Passeggiata tra le dune del magico Deserto di Viana, veri e propri monumenti di sabbia che il vento ha creato.

Attraversando il pavè della Via Pittoresca una pista sabbiosa scende fino alla baia di Boa Esperança, dall’aspetto surreale e dal fascino misterioso, dove dune e spiaggia si confondono per chilometri. Il relitto sventrato del mercantile Cabo Santa Maria, ricorda che oltre 300 navi sono affondate intorno all’isola per errori di rotta. Ora le lamiere arrugginite del cargo ospitano una coppia di aquile.

Passando il torrente di Ribeira Grande, giungeremo alla capitale Sal Reiantico centro per l’esportazione del sale, con le sue case in stile coloniale dalle facciate vivaci, gli edifici commerciali testimoni di un passato mercantile ormai lontano. Molto interessante il porticciolo, punteggiato dalle variopinte barchette in secca. Di fronte è visibile l’Ilheu di Sal Rei, l’isolotto su cui si trovano le rovine di un fortino edificato per proteggere il villaggio dalle incursioni dei pirati. Nella piazza centrale c’è la piccola chiesa di Santa Isabel, il Mercato Municipale e le bancarelle di artigianato tipico: batik, oggetti in legno e la tradizionale dama africana, l’Uril. Tempo a disposizione per shopping.

PREZZO  adulto = 35 €

bambino = 19 €

IMPORTANTE:tutte le escursioni indicate sono effettuate in “pick up” con 8 posti tra interni ed esterni.

LA LUNA PIENA NEL DESERTO
Una fra le escursioni più belle è senz’altro il deserto visto la notte della luna piena. Poter passeggiare nel deserto, poter ascoltare il rumore del vento che soffia, poter ammirare l’immensità del deserto illuminata a giorno dalla luna è senz’altro una dell’esperienze più belle in assoluto che la natura possa regalare all’uomo. Resterai incantato dalla magia, dal silenzio, dal suo paesaggio surreale. Una serata diversa che difficilmente potrai rifare e….. dimenticare!
Questa escursione viene organizzata per 3 giorni al mese i 3 giorni in cui la luna è al massimo dell’esposizione, vuoi sapere se riuscirai a vederla nella tua vacanza?

LE TARTARUGHE CHE DEPONGONO LE UOVA
Da Luglio a Settembre è il periodo migliore per fare questa escursione con successo.
Ricercatori spagnoli dell’Università di Las Palmas, con il sostegno della CEE e in collaborazione con il governo Capoverdiano, hanno dato vita ad un progetto denominato “Capo Verde Natura 2000” per la conservazione della biodiversità sull’isola di Boavista. Durante i mesi estivi sono stati attrezzati due campi, uno a Ervatão e l’altro a Porto Ferreira (agli angoli opposti di Boavista), per studiare le tartarughe Caretta-caretta nel periodo della riproduzione. Dall’inizio di Luglio alla fine di Settembre diamo ad alcuni gruppi di turisti la possibilità di assistere alla fase di deposizione e marchiatura delle testuggini.
Partenza dall paese dopo cena, alle 21.00 circa, 20 minuti di Jeep per arrivare all’accampamento preparato sulla spiaggia di Costa Boa Esperança, spiaggia vicina a Sal Rei ma comunque frequentata dalle tartarughe, pattugliatori professionisti controlleranno tutta la spiaggia fino all’avvistamento della testuggine in uscita dall’acqua. Con il contatto radio, verremo informati e seguendo l’esperta guida ci avvicineremo fino a pochi metri dall’animale e lo potremo seguire in tutta la fase di deposizione delle uova, copertura del nido, potremo seguire tutti i lavori di ricerca e studio che i Biologi faranno sull’esemplare avvistato (misure, peso, totale uova depositate ecc). Verrà iniettato un microchip con un codice che permetterà ai ricercatori di tenere sotto controllo la tartaruga. In 3 anni di lavoro sono state codificati più di 3.000 esemplari differenti che vivono intorno a Boavista, uno degli ultimi rari paradisi per la conservazione della specie.

Con la vostra partecipazione a queste escursioni aiuterete il Progetto Caboverde Natura 2000 a finanziarsi per altri anni di ricerche. Un’esperienza unica… un’emozione indimenticabile… una serata magica all’insegna della forza della natura.

 

LE BALENE CHE NUOTANO NELL’OCEANO
Da novembre a maggio è il periodo migliore per fare questa escursione con successo.
Un canto misterioso percorre gli abissi marini, si propaga scivolando lungo canali invisibili, e va lontano, molto lontano”.
Lo si sente, sott’acqua, a chilometri di distanza, ma anche i marinai che riposano nelle stive possono udirlo, con sorpresa ed angoscia. Forse il canto delle sirene, che Ulisse volle ascoltare legato all’albero maestro, non era altro che il richiamo delle balene, parole tratte da
Un’escursione dove la natura e il mare sono i veri protagonisti, navigando attorno a Boavista, con l’aiuto dei marinai Caboverdiani, andremo a cercare di vedere questi enormi cetacei che imponenti solcano questi mari, con la possibilità di imbatterci anche in delfini, squali balena, grosse mante, pesci volanti e altro che questo ricco mare ci offre.

Escursioni a piedi a Boavista

Escursioni a piedi a Boavista

 

Eccovi alcune escursioni a piedi consigliate dal nostro amico Piergiorgio rivolte a chi intende conoscere l’isola in maniera autonoma…
 Escursione a piedi a Boavista

SAL REI – FARO DI PONTA DO SOL (FAROL)

Questa escursione è di circa 7 km con un tempo di percorrenza di circa 2 ore. Ci si incammina lungo la strada che porta al Marine Club. A circa 200 metri da esso si devia a destra lungo la strada che corre per circa 2 km in direzione del cimitero. Continuare per circa 500 metri fino a raggiungere una biforcazione dove si gira a destra, in salita. Dopo circa altri 2,5 km ci si trova ad un’altra biforcazione che porta a Cha de Agua Doce dove il percorso gra a sinistra verso il faro. Continuando per altri due km, attraverso Curral Preto si sale verso il faro dove troverete un posto solitario e ricco di atmosfera.

SAL REI – IGREJA NOSSA SENHORA DE FATIMA

Questa escursione è di circa 2,5 km con un tempo di percorrenza di 45 minuti. Ci si incammina lungo la strada che porta al Marine Club. Arrivati alla struttura si prende il sentiero sul lato sinistro che porta attorno alla costa. Alla fine del sentiero la strada si fa un pò dissestata per poi costeggiare un tratto di litorale. Da qui si scorgono le rovine della cappella.

SAL REI – RELITTO DELLA SANTA MARIA

Questa escursione è di circa 7 km con un tempo di percorrenza di circa 2 ore. Si parte da Sal Rei in direzione di Rabil, una volta superate le case ai confini della città si troverà la vecchia strada per Rabil (segnalata come Via Pitoresca) che si diama a sinistra. Dopo circa 2 km bisogna imboccare un tracciato sconnesso che si trova sempre sulla sinistra. Si passa attraverso la Floresta Clotilde, un’oasi ricca di diverse varietà di palme, e poi attraverso Boa Esperança proseguendo sempre dritto. Si cammina ora sino alla spiaggia dove vedrete il relitto della Santa Maria.

Si consiglia, per le escursioni a piedi, di portare sempre con sè dell’acqua e della crema solare!

 

– 
 Sao Vincenze Cabo Verde
– 
Tenerife  Isole Canarie
– 
La Gomera Isole Canarie
– 
 –
Lanzarote isole Canarie Canarie

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmailFacebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail